Cavaso del Tomba

Fisco: sequestro 755.000 euro a cinese

La guardia di Finanza di Vicenza ha sequestrato 755.000 ad un'imprenditrice cinese operante nella filiera dell'industria del pellame. I finanzieri, attraverso la loro banca dati, avevano evidenziato forti anomalie sul conto della ditta di Villaverla, confermate dalla verifica. La titolare della ditta era stata denunciata per avere indicato nelle dichiarazioni dei redditi, dal 2014 al 2017, costi fittizi derivanti dall'uso di fatture per operazioni inesistenti per 1,1 mln di euro e 300.000 euro di Iva.Le fatture si riferivano a prestazioni svolte da altre imprese, sempre di cinesi,di fatto prive di strutture operative in grado di poterle fornire: i presunti fornitori della ditta indagata avevano la stessa sede di quest'ultima,non avevano intestata alcuna utenza, non avevano mai versato tributi, presentavano formalmente gli stessi dipendenti della verificata ed emettevano fatture scritte a mano con la medesima grafia dell'indagata. Il sequestro ha riguardato conti correnti della ditta e un Suv Range Rover.

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie